Alda Merini, nata il 21 marzo (tra l’altro primo giorno di Primavera e giornata mondiale della poesia) dell’anno 1931 e morta il 1° novembre 2019 (dieci anni fa), è stata una poetessa, aforista e scrittrice italiana.

Ha scritto un’innumerevole quantità di opere, poesie, frasi. Scegliere le più belle è praticamente impossibile. Qui sotto sono riportati tre poesie e tre aforismi, per mostrare semplicemente chi è stata e cosa ha scritto Alda Merini.

“Il mio passato”

Spesso ripeto sottovoce
che si deve vivere di ricordi solo
quando mi sono rimasti pochi giorni.
Quello che è passato
è come se non ci fosse mai stato.
Il passato è un laccio che
stringe la gola alla mia mente
e toglie energie per affrontare il mio presente.
Il passato è solo fumo
di chi non ha vissuto.
Quello che ho già visto
non conta più niente.
Il passato ed il futuro
non sono realtà ma solo effimere illusioni.
Devo liberarmi del tempo
e vivere il presente giacché non esiste altro tempo
che questo meraviglioso istante.

“Non ho bisogno di denaro”

Io non ho bisogno di denaro.
Ho bisogno di sentimenti.
Di parole, di parole scelte sapientemente,
di fiori, detti pensieri,
di rose, dette presenze,
di sogni, che abitino gli alberi,
di canzoni che faccian danzar le statue,
di stelle che mormorino all’orecchio degli amanti…
Ho bisogno di poesia,
questa magia che brucia le pesantezza delle parole,
che risveglia le emozioni e dà colori nuovi.

“Ci sono notti che non accadono mai”

Ci sono notti
che non accadono mai
e tu le cerchi
muovendo le labbra.
Poi t’immagini seduto
al posto degli dèi.
E non sai dire
dove stia il sacrilegio:
se nel ripudio
dell’età adulta
che nulla perdona
o nella brama
d’essere immortale
per vivere infinite
attese di notti
che non accadono mai.

La felicità

La miglior vendetta? La felicità. Non c’è nulla che faccia più impazzire la gente che vederti felice.

La bellezza

La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori.

Tra le tue braccia

C’è un posto nel mondo dove il cuore batte forte, dove rimani senza fiato per quanta emozione provi; dove il tempo si ferma e non hai più l’età. Quel posto è tra le tue braccia in cui non invecchia il cuore, mentre la mente non smette mai di sognare.

Per saperne di più su Alda Merini, QUI c’è la pagina Wikipedia a lei dedicata.