Quest’anno si svolgono le elezioni presidenziali negli Stati Uniti d’America.

Di seguito una breve (ed essenziale) guida sulle elezioni.


Le elezioni si svolgeranno martedì 3 novembre 2020.

Come stabilito dal sistema elettorale statunitense, gli elettori non votano direttamente il Presidente, ma eleggono i cosiddetti Grandi Elettori, i quali successivamente si riuniranno nel Collegio elettorale per eleggere il nuovo Presidente, che entrerà ufficialmente in carica il 20 gennaio 2021.

Il numero totale di Grandi Elettori è di 538. Per diventare Presidente è necessario ottenere la maggioranza assoluta, ovvero 270.

In (quasi) tutti gli Stati i Grandi Elettori vengono assegnati in blocco al partito che ottiene più consensi in quello Stato.

La politica americana è composta da due principali partiti, quello Repubblicano e quello Democratico.

Il candidato Presidente del Partito Repubblicano è Donald Trump, presidente uscente e che ha deciso di ricandidarsi. Suo candidato Vice presidente è Mike Pence, suo attuale Vice presidente.

Il candidato Presidente del Partito Democratico è invece Joe Biden, che in passato, tra le altre cose, è stato Vice presidente di Barack Obama e che negli scorsi mesi ha vinto le primarie democratiche (in cui il principale sfidante era Bernie Sanders). Biden ha scelto come suo candidato Vice presidente una donna, Kamala Harris.

A questi si aggiungono altri candidati meno importanti, di partiti meno importanti, che di fatto non avranno la possibilità di essere eletti, data la forte polarizzazione della politica statunitense.

Secondo i sondaggi il candidato vincitore sarebbe Biden, che stacca di diversi punti percentuali il Presidente uscente Trump, ma la sfida è ancora apertissima.

È da ricordare poi che le elezioni presidenziali si svolgeranno in contemporanea alle elezioni di un terzo dei componenti del Senato e di tutti i componenti della Camera dei rappresentanti.