Gli Europei di calcio 2020, rinviati al 2021 a causa della pandemia, si svolgono da venerdì 11 giugno a domenica 11 luglio, giorno della finale. È la sedicesima edizione dei Campionati europei e partecipano 24 nazionali.

LE CITTÀ OSPITANTI

Per la prima volta nella storia gli Europei non si disputano in un unico Paese. Per festeggiare infatti i 60 anni dalla prima edizione del torneo, le partite si giocano in 11 città. La finale, le semifinali, due ottavi di finale e tre partite dei gironi si giocano a Londra. Sei partite dei gironi e un quarto di finale si gioca a San Pietroburgo. Poi tre partite dei gironi e un quarto di finale a Roma, a Baku e a Monaco. Infine ad Amesterdam, Bucarest, Budapest, Copenhagen, Glasgow e Siviglia si giocano tre partite dei gironi e un ottavo di finale.

I GIRONI E IL FORMAT

Il formato è lo stesso di quattro anni fa, quando per la prima volta parteciparono 24 squadre. Ci sono 6 gironi, composto ciascuno da 4 squadre che si scontrano tra loro una sola volta (per un totale quindi di 3 partite per ciascuna squadra). Le prime 2 classificate di ciascun girone si qualificano agli ottavi di finale, insieme alle 4 migliori terze in generale (stabilite in base ai punti ottenuti e alla differenza reti). La fase a eliminazione diretta (ottavi, quarti, semifinali e finale) si gioca in gara unica: chi vince passa il turno.

I GRUPPI

Gruppo A: Turchia, Italia, Galles, Svizzera
Gruppo B: Danimarca, Finlandia, Belgio, Russia
Gruppo C: Olanda, Ucraina, Austria, Macedonia del Nord
Gruppo D: Inghilterra, Croazia, Scozia, Repubblica Ceca
Gruppo E: Spagna, Svezia, Polonia, Slovacchia
Gruppo F: Ungheria, Portogallo, Francia, Germania

CALENDARIO E PARTITE

Le partite in tutto sono 51. La prima fase è quella a gironi, poi segue la fase a eliminazione diretta con ottavi, quarti, semifinali e finale. Il calendario completo (con date, orari, luoghi) delle partite con anche i risultati è disponibile cliccando QUI.

LE SQUADRE FAVORITE

La grande favorita di EURO 2020 è senza dubbio la Francia. Si tratta della squadra campione del mondo in carica e agli ultimi europei (giocati in casa) arrivò seconda. Poi c’è l’Inghilterra, che si presenta probabilmente con la sua migliore squadra degli ultimi anni. Tra chi sembra avere grandi possibilità di arrivare molto avanti o addirittura vincere ci sono anche, come sempre, il Portogallo (campione europeo in carica), il Belgio, la Spagna, la Germania, ma anche l’Italia. Possibili sorprese possono essere la Croazia (vice campione del mondo in carica), l’Olanda, la Turchia, la Danimarca.

COME SI PRESENTA L’ITALIA AGLI EUROPEI

Dopo la sconfitta ai rigori contro la Germania ai quarti di finale degli scorsi Europei nell’estate del 2016, EURO 2020 è il primo grande torneo internazionale (vista la mancata qualificazione agli ultimi Mondiali, quelli di Russia 2018). Nel frattempo sono cambiati allenatori e da quando il commissario tecnico è Roberto Mancini il percorso dell’Italia non è stato poi così male. Dal 2018 a oggi si contano 23 vittorie, 7 pareggi e 2 sconfitte in 32 partite disputate, 79 gol segnati e 14 subiti. È però anche una squadra con molti giovani e quindi non così esperta come invece lo sono altre avversarie.

QUANDO GIOCA L’ITALIA

Nella fase a gironi l’Italia gioca tre partite (tutte e tre allo Stato Olimpico di Roma). La prima, che rappresenta anche la partita di apertura di EURO 2020, si svolge contro la Turchia venerdì 11 giugno alle ore 21. Le altre due partite sono Italia-Svizzera, che si gioca mercoledì 16 giugno sempre alle ore 21, e poi Italia-Galles, domenica 20 giugno ma stavolta alle ore 18.

QUANDO E DOVE VEDERE GLI EUROPEI

Le partite della fase a gironi si giocano in tre fasce orarie: alle 15, alle 18 e alle 21. Agli ottavi di finale invece quattro partite si giocano alle 18 e quattro alle 21. Stesso schema ai quarti, con due partite alle 18 e due alle 21. Le semifinali e la finale invece si giocano alle ore 21. È possibile vedere le partite principalmente in televisione. La Rai trasmette in chiaro 27 partite, ovvero tutte quelle dell’Italia, quelle del suo girone, le migliori di ogni giornata, alcuni ottavi, e tutte dai quarti fino alla fine. Sky Sport invece trasmette per i propri abbonati tutte e 51 le partite del torneo.

IL PUBBLICO

Agli Europei c’è anche il pubblico allo stadio. Ma la capienza varia da Paese a Paese. Ad esempio lo Stadio Olimpico di Roma ospita il 25% della capienza normale, quindi sono circa 18 mila spettatori per EURO 2020. Stessa percentuale anche per altri stadi, come quelli di Londa, Bucarest, Amsterdam. Addirittura a Baku e San Pietroburgo la capienza è del 50%. Ovviamente per accedere agli impianti ci sono rigidi requisiti, dovuti alla situazione sanitaria.

CORONAVIRUS E SOSTITUZIONI

A differenza delle edizioni precedenti, la Uefa ha permesso alle nazionali di inserire nella rosa per EURO 2020 fino a 26 giocatori (3 in più del solito). Questo per ridurre il rischio che le squadre si trovino a corto di giocatori per eventuali casi di coronavirus in squadra. Rimane però 23 il numero massimo di giocatori da portare in panchina per ogni partita (quindi i 3 esclusi vanno in tribuna). Sono inoltre consentite sostituzioni illimitate in caso di infortuni o positività al coronavirus fino alla partita di esordio di ciascuna nazionale. Per disputare regolarmente le partite previste, ogni squadra deve avere almeno 13 giocatori (compreso un portiere). Altrimenti, le partite saranno riprogrammate nei due giorni successivi, con la possibilità di cambiare città ospitante. Se ciò non fosse possibile, la Uefa può assegnare la sconfitta a tavolino alla squadra indisponibile. Per quanto riguarda le sostituzioni, ogni nazionale può utilizzare un massimo di 5 cambi nei tempi regolamentari, da effettuare però in non più di 3 interruzioni di gioco (ai tempi supplementari invece è possibile effettuare una sesta sostituzione).